fbpx
Biorivitalizzazione: cos’è, quando farla e cosa comporta

Biorivitalizzazione: cos’è, quando farla e cosa comporta

In un’epoca di “zoom fatigue”, ovvero lo stress derivante dall’uso massiccio delle videochiamate come mezzo di lavoro e dal conseguente misurarsi con la propria immagine riflessa nel monitor, si assiste oggi a una costante ascesa della domanda di bellezza che riguarda entrambi i sessi. A fronte di questa tendenza, la vera domanda da porsi è cosa sia la bellezza in rapporto a stessi e all’immagine che abbiamo di noi.

biorivitalizzazione rughe carpiRecentemente, il “dermatologo dei vip” Antonino Di Pietro, in occasione dell’uscita del suo nuovo libro “La bellezza è l’imperfezione”, ha voluto soffermarsi su questo concetto: ovvero la bandiera della sua battaglia ormai decennale. Il famoso dermatologo afferma provocatoriamente di amare le rughe, le smorfie e le pieghe delle migliaia di donne che si sono rivolte a lui in quanto segni capaci di parlare anche in silenzio. In questa affermazione, a nostro parere, c’è una grande verità che passa attraverso il rispetto (e la bellezza) di ognuno di noi e di quegli elementi che ci rendono unici.

In altri termini, secondo questa visione, chi si rivolge a un dermatologo o medico estetico non dovrebbe mai avere la pretesa di riportare le lancette dell’orologio indietro ma di aspirare ad una valorizzazione di quanto ci rende unici in quel momento. Tradotto in termini ancora più semplici, aiutare la pelle a rigenerarsi migliorandone l’elasticità e la tonicità seguendo il suo naturale sviluppo. Per chi condivide questa stessa sensibilità che porta a riscoprire la giovinezza presente in ogni età, la scienza medico-estetica propone la biorivitalizzazione, una cura estetica del viso il cui obiettivo è restituire elasticità ai tessuti cutanei attraverso l’iniezione di principi attivi – acido ialuronico – in determinati punti focali del volto. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Clinica Tarabini è il punto di eccellenza per Modena e provincia dove scoprire e provare gli effetti postivi della biorivitalizzazione del viso. Vieni a trovarci. 

Cos’è la biorivitalizzazione

Come si diceva, la biorivitalizzazione è una tecnica di successo in medicina estetica che consiste nell’idratazione profonda degli strati della pelle allo scopo di stimolarne il tono generale e rigenerare il collagene e l’elastina, elementi che tendono a diminuire con l’avanzare dell’età. La biorivitalizzazione si applica prevalentemente al viso ma anche al collo e al décolleté e, grazie alla sua azione profonda, si differenzia dai trattamenti cosmetici che, per loro natura, non riescono a penetrare in profondità. Stanche o stanchi della solita cosmesi? Anche a Modena è il momento di scoprire la biorivitalizzazione grazie allo staff di medicina estetica di Clinica Tarabini.

Quando e a chi è consigliato il trattamento

Il trattamento è indicato per tutti i pazienti, dai 25 anni in su, che desiderano donare maggiore idratazione, luminosità e compattezza alla pelle attraverso un’azione più profonda e naturalmente senza bisturi. La biorivitalizzazione si rivolge a chi manifesta una maggiore sensibilità verso un approccio alternativo al bisturi e più di “partnership attiva” con la naturale evoluzione della pelle. Grazie alla sua azione profonda, ma senza stress, questa tecnica è anche in grado di soddisfare chi non ha trovato nella cosmesi estetica una valida alleata nel contrasto all’invecchiamento cutaneo, alle rughe sottili, ai danni del foto-invecchiamento (questi ultimi, in particolare, più visibili in soggetti di età più avanzata) o alle semplici occhiaie.

Da segnalare, come uniche controindicazioni, lo stato di gravidanza e la predisposizione all’herpes. Come sempre, in casi di dubbi e in particolare in questi casi specifici, Clinica Tarabini consiglia di rivolgersi al proprio medico per un parere preliminare prima di sottoporsi al ciclo di biorivitalizzazione. Dopo il trattamento si raccomanda altresì di non praticare sport, bagno turco e lampada solare per una settimana circa.

Grazie al suo potere idratante, la biorivitalizzazione è consigliata, in modo particolare, prima dell’estate in preparazione all’esposizione della pelle ai raggi solari.

 

In cosa consiste la biorivitalizzazione?

biorivitalizzazione agoLa biorivitalizzazione, come abbiamo visto, permette un naturale recupero delle funzioni fisiologiche della pelle. Ma come avviene questo processo? Il trattamento consiste nell’iniettare – per mezzo di aghi sottili e indolore – delle piccole quantità di acido ialuronico o di altre sostanze biocompatibili facilmente riassorbibili negli strati superficiali della pelle. La siringa viene riempita di acido ialuronico e, talvolta, di aminoacidi e vitamine. In quest’ultimo punto risiede la grande forza di questo trattamento.

La possibilità di modulare, in base al problema, al punto di azione e al paziente, la sostanza da iniettare con un approccio ad hoc. Questa decisione passa dal rispetto della storia del paziente e conferisce alla biorivitalizzazione uno status di tecnica molto trasversale e flessibile. Anche la scelta del tipo di acido ialuronico si è evoluta nel tempo. Oggi, infatti, esistono diverse tipologie ad alto contenuto di acido ialuronico che sono in grado di favorire una maggiore biostimolazione del viso ovvero di generare una migliore cura della pelle attraverso la stimolazione endogena di fibre elastiche e collagene.

Le iniezioni al viso vengono svolte in punti ben precisi: zigomi, fronte, zona periculare (contorno occhi) e perilabiale (contorno labbra) mediante la tecnica dei pomfi. Anche l’applicazione sul viso segue coerentemente le caratteristiche del principio iniettato determinando punti ben precisi di iniezione ovvero aree del viso molto ricettive dove sono assenti grandi vasi e ramificazioni nervose. 

La biorivitalizzazione, in sintesi, produce tre azioni principali:

  1. stimola la produzione di collagene con un effetto ristrutturante;
  2. genera effetti anti-ossidanti contrastando i radicali liberi ovvero i responsabili dell’invecchiamento;
  3. idrata i tessuti donando un effetto luminoso al viso e contrastando le rughe.

Per una scelta precisa e professionale del trattamento di biorivitalizzazione a Modena, affidatevi ai professionisti di medicina estetica di Clinica Tarabini.

 

Durata e risultati del trattamento di biorivitalizzazione

In linea generale si consigliano quattro sedute da svolgersi a distanza di un mese l’una dall’altra. Naturalmente sarà il medico estetico a consigliare l’esatta somministrazione in base al caso da risolvere. È utile, inoltre, ripetere il ciclo almeno un paio di volte all’anno, salvo appunto indicazioni diverse da parte del medico.

Gli effetti o la differenza tra il “prima e il dopo” un trattamento di biorivitalizzazione al viso sono solitamente visibili e apprezzabili da subito con un aumento del volume della pelle e una diminuzione delle rughe superficiali. In ragione del naturale processo di riassorbimento delle sostanze iniettate, gli effetti positivi durano oltre sei mesi. Questa caratteristica può essere letta come un vantaggio in quanto permette di aggiornare e cambiare la sostanza da iniettare nella successiva seduta in ragione del naturale cambiamento della pelle.

Un viso naturalmente bello con la biorivitalizzazione di Clinica Tarabini a Modena

Clinica Tarabini è un centro di eccellenza multidisciplinare che opera a Modena e provincia. La sua mission è quella di mettere il paziente al centro di un percorso di cure eccellenti, con attenzione e professionalità. 

I vantaggi di rivolgersi alla nostra struttura nei casi in cui si è alla ricerca del miglior trattamento di biorivitalizzazione a Modena e provincia possono riassumersi in quattro punti: 

  1. l’offerta di un percorso di cure multidisciplinare e completo che può richiedere la presenza di un team di specialisti; 
  2. l’applicazione di un protocollo di cure preciso e su misura che va dalla prima visita alla fase di cura dove il paziente è sempre seguito ed osservato dal medico specialista del team che lo ha preso in cura; 
  3. un team di medicina estetica di comprovata esperienza – guidato dalla Dottoressa Chiara Depietri, medico chirurgo specializzato in medicina estetica e dal Dottor Ivan Gaja, medico chirurgo specializzato in chirurgia estetica e medicina estetica del viso;
  4. le migliori tecnologie e apparecchiature per ottenere il meglio dai trattamenti ma sempre in un’ottica orientata al paziente singolo: dalla biorivitalizzazione con aghi a quella senza aghi.

Per riscoprire la bellezza del proprio viso, prenotate qui la vostra visita specialistica di medicina estetica a Modena e assicuratevi il miglior trattamento di biorivitalizzazione.